Allenamento funzionale per dimagrire: funziona?

Negli ultimi tempi si fa un gran parlare di allenamento funzionale (nel quale rientra anche il CrossFit, seppur con qualche differenza), ma in realtà, cos’è e come funziona? Quanto dura? E’ efficace per dimagrire e rassodare gambe, glutei, braccia e addominali?

Fai un po’ di chiarezza continuando a leggere il nostro articolo 😉

Il funzionale è il tipo di allenamento attualmente più apprezzato dal mondo del fitness e in grado di assicurare grandi soddisfazioni anche in chi è alle prime armi. Si tratta di una tipologia di esercizio fisico innovativa, non tanto nell’aspetto pratico (gli esercizi sono tutti a corpo libero o con elementi semplici come palla medica, trazioni, ecc.) quanto nel riuscire a sviluppare in modo armonioso il corpo nella sua interezza. Non più, quindi, un lavoro specifico su determinati distretti corporei ma una rivoluzione del classico concetto di fitness in favore di un vero e proprio tipo di fitness funzionale, il quale va ad abbracciare l’intero corpo ed è in grado di sviluppare caratteristiche come forza, coordinazione, agilità.

Un movimento si dice funzionale quando rispecchia i gesti della vita quotidiana, movimenti naturali realizzati grazie alla contrazione sinergica di più gruppi muscolari. Scopo di questo allenamento è sviluppare un corpo bello, armonico e forte tramite esercizi che richiamano le funzioni base per cui è nato; per questo si vanno a creare percorsi che si avvicinino il più possibile a quello che il corpo umano fa per natura.

La definizione di allenamento funzionale, infatti, si basa proprio sul fatto che è un allenamento che mira a unire il movimento al sistema-corpo, per assicurare risultati non più localizzati a una fascia muscolare specifica ma a raggiungere un equilibrio e un benessere globale. Tuttavia il termine  functional training è molto generico e occorre specificare qualche sua caratteristica per poter dare un’idea dei suoi principi. Per capire cos’è e in cosa consiste l’allenamento funzionale, quindi, bisogna pensare a una tabella di allenamento rivolta al potenziamento tutte le caratteristiche intrinseche del nostro organismo, le quali non vengono mai sviluppate a causa della nostra vita sedentaria. Ovviamente bisogna partire dal proprio grado di forma fisica, quindi una persona che inizia ad avvicinarsi a questo mondo dovrà cominciare a familiarizzare con il suo corpo, dedicandosi a camminate o corse, saltare, colpire o lanciare. Tutti movimenti naturali da imparare a eseguire in modo giusto. Di conseguenza, è proprio la nostra quotidianità alla base dei movimenti di questo functional training. Infatti, vengono riproposte azioni che facciamo abitualmente ma in chiave sportiva e ciò fa si che questo genere di allenamento sia adatto a tutti, in qualsiasi fascia d’età o di forma fisica ci si trovi, ovviamente sempre verificando prima la presenza di paramorfismi e problematiche fisiche che potrebbero peggiorare con l’esecuzione non corretta di determinati esercizi.

Gli esercizi a corpo libero che possono essere proposti sono, ad esempio, trazioni, piegamenti, spinte e torsioni. Visto che questo tipo di ginnastica funzionale coinvolge diverse articolazioni, le fasce muscolari interessate sono molteplici. Questo fa si che si ottenga una maggiore capacità di controllo del proprio corpo, migliorando la propriocettività e l’attività del core, ossia la zona del corpo che abbraccia la fascia muscolare addominale e quella dell’anca.

In una scheda di allenamento funzionale si introducono esercizi principalmente da svolgere a corpo libero: è necessario svolgerli in maniera corretta sia per non vanificare lo sforzo fatto, sia per non incorrere in fastidiosi infortuni, cosa che quando ci si allena con gli attrezzi è meno semplice che accada perché eventuali imperfezioni di esecuzione possono essere parzialmente corrette dalla macchina.

In una seduta di allenamento molto semplice, si può considerare un circuito variabile in intensità e durata che preveda, ad esempio:

  • 4 minuti di salto della corda
  • squat alternati ad affondi in camminata
  • swing (esercizio che coinvolge muscoli di tronco e addome)
  • press con bilanciere

Tutti gli esercizi sono intervallati, ad esempio, da un minuto di pausa.

Questo è solo un piccolo esempio di quello che si può ideare ma, trattandosi sempre di esercizi a corpo libero, le possibilità di variazione e di combinazioni diverse è praticamente infinita. Gli attrezzi nell’allenamento funzionale hanno un ruolo accessorio e sono estremamente semplici: palla medica, bilanciere o barra per le trazioni, manubri, elastici o kettlebells.

Spesso si fa confusione tra l’allenamento funzionale e il più famoso crossfitche è una disciplina americana ideata da Greg Glassmann, in quanto entrambi i programmi hanno come obbiettivo il miglioramento della forza, della potenza e della coordinazione, infatti tra loro ci sono numerose analogie ma anche sottili differenze: per esempio nell’allenamento funzionale sono previste delle pause più lunghe del crossfit, oppure il peso del corpo ha un ruolo maggiore nell’esercizio ma nel crossfit c’è una netta pianificazione dei movimenti nell’ambito di un obiettivo specifico.

Inoltre, per le sue caratteristiche di estrema versatilità, l’allenamento funzionale può essere associato a uno sport per potenziarne le risposte corporee e migliorare le prestazioni di altre discipline sportive.

La ginnastica funzionale, inoltre, può essere impiegata con successo anche in campo estetico: una buona tabella funzionale è la forma ideale di allenamento per sciogliere il grasso in eccesso e favorire il dimagrimento. Circuiti funzionalicrossfit femminile total body funzionale sono tutte forme di allenamento funzionale con differenze minime tra loro ma che vanno a stimolare la risposta muscolare e ad accelerare il metabolismo, favorendo il consumo di grassi in modo corretto.

 

Seguire un allenamento funzionale ha sicuramente dei vantaggi, in quanto consentirà di migliorare la postura, l’equilibrio, l’agilità. Inoltre, vista la varietà continua di esercizi possibili è molto difficile annoiarsi e il fisico viene sottoposto a continue sollecitazioni. L’armonia del corpo viene rispettata perché ogni seduta di allenamento è dedicata al corpo nella sua interezza. Nonostante questo bisogna fare attenzione quando lo stato di salute non è ottimale. Se si hanno problemi alla schiena, ad esempio, è necessario farsi seguire da un istruttore qualificato che possa aiutare a svolgere la giusta tipologia di esercizio e in maniera corretta, per non andare ad affaticare la parte dolente o peggiorare una serie di sintomi già presenti. Infatti, l’allenamento funzionale non è pensato per solo per il raggiungimento del risultato estetico ma per migliorare il benessere del corpo. Ovviamente, accanto all’esercizio per poter avere risultati duraturi e tangibili occorre seguire un’adeguata alimentazione e uno stile di vita più sano possibile.

Per maggiori informazioni, contattaci 091 743 45 58 o info@csm-minusio.ch

Buon benessere

Team Centro Sportivo Minusio

****************************

Se anche tu vuoi ritrovare il tuo benessere, stile di vita sano, che tiene in considerazione le tue abitudini: lavoro, famiglia, preferenze alimentari, e rimetterti in forma nel più breve tempo possibile devi solo compilare il modulo
di contatto

http://csm-minusio.ch/contatto/

Lasciare i tuoi dati

Verrai ricontattato entro 24H dal nostro team e scoprirai come tornare in forma senza stress, senza diete da fame, senza pasti sostitutivi.

Ci vediamo presto

Team CSM Centro Sportivo Minusio

Facebook Comments